Filarmonica Giuseppe Verdi

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Direttivo

Organico

Il Consiglio Direttivo 2014-2016
 
Presidente dott. Arioli Gianluigi
Vice Presidente  Sig. Bais Ambrogio

Direttore  Rossetti Angelo

Consiglieri
Spertini Giampiero
Premoli Gianluigi
Guggiroli Domenico
Rossetti Angelo
Arioli Marta
Broggi Silvia
Perinetto Patrizia


Tesoriere Rodari Tiziano

Il Consiglio Artistico


Maestro   Zocchi  Maurizio
Vice maestro  Premoli Gianluigi
  
Ottoni
Spertini Giampiero
Fantoni Mauro
Bais Giuseppe

 
Saxofoni, clarinetti e flauti
Amoruso Giuseppe
Broggi Silvia

    
Percussioni
Lama Alessandro

Lo Statuto e il Regolamento



REGOLAMENTO


La struttura organizzativa e gestionale della Filarmonica fa riferimento allo schema riportato in allegato, essa è definita per mettere in atto le attività decisive del Consiglio Direttivo in coerenza con lo statuto.
La struttura del'organico ha lo scopo di poter consentire ad ogni componente della filarmonica di :

  • comunicare con rapidità con il Consiglio Direttivo;

  • di poter essere raggiunto da comunicazioni urgenti del Consiglio Direttivo, del Direttore, del Maestro.

La catena di comunicazione è assicurata dal Direttore tramite telefono o messaggio SMS.
   1. Gestione dei soci
        Soci Ordinari ed Operatori
       Devono richiedere di aderire alla Filarmonica con la compilazione del modulo “Scheda Anagrafica” e sono ammessi ed accettati su delibera del Consiglio Direttivo ed assumono la titolarità di Socio dopo il versamento della quota associativa stabilita.
       Soci Filarmonici        
        Possono richiedere di aderire coloro che, svolgendo attività musicale,possono contribuire allo sviluppo artistico e sociale della Filarmonica essendo componenti dell'organico.
      Si richiede:

  • Capacità artistiche adeguate possibilmente comprovate da una presenza significativa nell'organico della Filarmonica;

  • garanzia di continuità di presenza almeno annuale;

  • accettazione del presente regolamento attraverso la firma dello stesso;

       Sono individuate le seguenti caratteristiche preferenziali:

  • presenza nell'organico almeno da un anno;

  • provenienza dal Corso di Orientamento Musicale.

       Devono richiedere di aderire alla Filarmonica con la compilazione del modulo “Scheda Anagrafica” sottoscrivendone tutte le condizioni e sono ammessi ed accettati su delibera del Consiglio Direttivo che valuta la richiesta di associazione approvata dal Maestro; assumono la titolarità di socio dopo il versamento della quota associativa stabilita.

       Soci Onorari
        Come previsto dallo Statuto.
       Il Consiglio Direttivo gestisce l'elenco dei Soci e lo sottopone    annualmente all'approvazione dell'Assemblea. Lo stato di adesione verrà aggiornato all'inizio di ogni anno di attività, con eventuale esclusione nel caso di ingiustificata o prolungata assenza.

   2. Gestione dei Concerti e dei Servizi
        Le attività proposte prevedono le seguenti modalità di gestione:

  • Esposizione in bacheca dell'elenco delle attività programmate annualmente aggiornato ogni trimestre a cura della Segreteria;

  • Ogni attività è comunicata, oltre che verbalmente, anche con esposizione di specifico “Programma” comprendente:

  data ed ora inizio concerto/servizio
  luogo, indirizzo, etc.
  ora e luogo di ritrovo
  divisa richiesta
  cosa fare nel caso di condizioni metereologiche sfavorevoli

  • Le attività,concerti e servizi non programmate( preavviso inferiore alle due settimane) sono gestite tramite comunicazione telefonica/ messaggio SMS direttamente dal Direttore coaudiuvato dalla Segreteria. In questo caso è richiesta una tempestiva risposta e decisione.


 3.    Norme di comportamento dei Soci Filarmonici
       Norme di tipo sociale
        Ad ogni Socio Filarmonico è richiesta una capacità di gestione delle   relazioni ed in particolare:
 Rispetto ed accettazione degli altri componenti delle loro capacità e delle loro difficoltà;
 Puntualità alle prove ed alle altre attività;
Propensione allo studio;
Comportamento rispettoso ed educato in occasione di ogni servizio e manifestazione in particolare a quelli civili e religiose.
        Norme di tipo artistico
         Il Maestro è chiamato a valorizzare il patrimonio umano disponibile stimolando lo studio strumentale e lo sviluppo delle capacità individuali attraverso la scelta del repertorio e l'assegnazione di specifici compiti alle   diverse sezioni e/o filarmonici, il tutto nel rispetto delle persone.
        I Filarmonici sono chiamati a contribuire allo sviluppo artistico dell'associazione con:

  •  applicazione e consapevolezza delle proprie capacità, disponibili comunque a seguire le indicazioni del Maestro;

  •  suggerimenti e proposte di testi ed iniziative trasmesse al Consiglio Artistico attraverso il proprio referente di sezione;


 4.    Doveri del Socio Filarmonico
       Il Socio Filarmonico ha i seguenti doveri:

  •  Prendere visione del programma del calendario dei concerti e dei servizi;

  •  Partecipare a tutte le attività dell'associazione:prove,concerti e servizi;

  •  Comunicare al Maestro l'ipossibilità di partecipare alle prove, concerti e servizi;

  •  Comunicare per iscritto al Consiglio Direttivo l'impossibiltà a partecipare per un prolungato periodo di tempo alle attività della Filarmonica;

  •  Comunicare per iscritto al Consiglio Direttivo l'intenzione di dimettersi dalla qualifica di Socio;

  •  Custodire con cura il vestiario di proprietà della Filarmonica mantenendolo con cura e riferire al responsabile delle divise ogni eventuale necessità;

  •  Custodire con cura la cartelletta,le partiture e l'eventuale strumento di proprietà della Filarmonica  assegnatogli e riferire al Direttore o al Responsabile Strumenti ogni eventuale necessità.

                                       



                                                     Laveno Mombello, 7 gennaio 2010

 
Torna ai contenuti | Torna al menu